Fisco e UE: la Digital Tax e possibili scenari

Fisco e UE: la Digital Tax e possibili scenari

Mentre l’OCSE cerca consensi sulla digital tax, la tassazione delle imprese digitali, il monito del Fondo Monetario Internazionale FMI mette in apprensione i governi di Lussemburgo e Irlanda prevedendo una riforma fiscale molto rigida per le entrate pubbliche di questi due Paesi. La perdita stimata infatti si aggirerebbe intorno ai 3-4 miliardi di euro all’anno.

Per annullare i benefici fiscali dei giganti del digitale, e combattere il tax planning aggressivo delle multinazionali, l’Ocse sta valutando una proposta per garantire che le stesse versino le imposte laddove i profitti vengono generati. Se così fosse l’effetto sarebbe quello di diminuire le entrate di Irlanda e Lussemburgo, Paesi in cui le principali società (Google, Facebook, Apple, Microsoft, Amazon, oltre a grandi società finanziarie e di servizi) hanno in questi due Paesi il loro quartier generale.

Ad aumentare uno scenario incerto esistono anche due importanti variabili: la prima è l’imminente voto per rinnovare il Parlamento Europeo, i cui effetti, nel caso di cambiamento di rotta, potrebbero favorire una linea meno rigida sulla riforma fiscale. La seconda riguarda la Brexit. L’uscita dell’UK dall’Unione Europea, la quale fornirebbe un comodo e prezioso paracadute fiscale per le multinazionali alla ricerca di una vicina e più favorevole piazza finanziaria: Londra.

Già in passato, tra i possibili scenari del post-Brexit, abbiamo suggerito come la strategia di costituire a Londra una LTD possa essere una mossa vincente (oltre che un ottimo terreno su cui seminare) contro l’incertezza perennemente percepita.

A questo argomento dedicheremo a breve una News, riassumendone i vantaggi ed i motivi su come e perché costituire una LTD in UK. Con noi ovviamente!

Brexit: salvi i rapporti nel caso di mancato accordo

Brexit: salvi i rapporti nel caso di mancato accordo

Con un Comunicato Stampa del 24/01/2019 il Mef, Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha approntato le misure necessarie a garantire piena continuità dei mercati e degli intermediari in caso di Brexit senza accordo. In tale scenario, infatti, a decorrere dal 30 marzo 2019 il Regno Unito diverrà a tutti gli effetti uno Stato terzo, con conseguente discontinuità nei rapporti bilaterali con la UE.

Le misure in parola mirano ad assicurare la stabilità finanziaria, l’integrità e la continuità operativa di mercati e intermediari nonché la tutela di depositanti, investitori e clientela in generale, tramite l’introduzione di un congruo periodo transitorio nel quale tali soggetti potranno continuare ad operare, analogamente al periodo transitorio previsto in caso di accordo tra il Regno Unito e la UE.

Durante il periodo transitorio disposto con la normativa in questione, sarà possibile per gli intermediari – siano essi bancari, finanziari o assicurativi – continuare ad operare secondo la normativa attuale: la possibilità varrà sia per gli operatori britannici che svolgano l’attività in Italia, sia per gli operatori italiani che svolgano l’attività nel Regno Unito. Durante tale periodo sarà altresì assicurata la tutela dei depositanti e degli investitori dei medesimi intermediari senza soluzione di continuità.

La data di emanazione del provvedimento dipenderà dai prossimi sviluppi e dalle conseguenti determinazioni che verranno adottate nel Regno Unito in ordine al recesso. Esso verrà comunque adottato in tempo utile per permettere un ordinato svolgimento delle attività e fornire un quadro normativo certo entro cui operare anche in caso di recesso senza accordo.

 

https://www.aemorgan.net/contatti

Viaggio in Inghilterra: i documenti necessari

Viaggio in Inghilterra: i documenti necessari

Carta d’identità, patente e tessera sanitaria sono i documenti per raggiungere il Regno Unito con la Brexit

Cosa cambia, con la Brexit, per chi vuole visitare Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord?  La data ufficiale di uscita dall’Unione Europea è il 29 marzo del 2019: in attesa di quel giorno, l’Ambasciata d’Italia a Londra ha reso pubblico un documento online con il quale fornisce chiarimenti sulla documentazione necessaria per viaggiare nel Regno Unito.
Per entrare nel Regno Unito non è necessario possedere il passaporto: è sufficiente munirsi di carta d’identità. Qualora questa risulti particolarmente rovinata, l’ambasciata consiglia ai possessori di rinnovarla prima della partenza. Fino al 29 marzo non sarà necessario alcun visto: tutto quello che accadrà dopo sarà frutto dei negoziati ancora in corso tra Regno Unito e Unione Europea.

Continue reading