OK al mandato per l’accordo dei beni industriali tra UE-USA

OK al mandato per l’accordo dei beni industriali tra UE-USA

Il Consiglio Ue ha confermato il mandato negoziale per un accordo commerciale con gli Usa esclusivamente sui beni industriali (è escluso quindi il settore agroalimentare) con l’obiettivo di eliminare il più possibile i dazi. La Francia ha mantenuto la sua strenua opposizione, votando contro, mentre il Belgio si è astenuto. Con il via libera formale la Commissione Ue può ora avviare i negoziati con Washington.

Il mandato approvato oggi dal Consiglio include negoziati sia per eliminare i dazi su tutti i beni industriali (in particolare auto, macchinari, abbigliamento, calzature, vetro e ceramiche, prodotti farmaceutici e chimici, ma anche acciaio e alluminio) che per eliminare le barriere non tariffarie sulla conformità dei prodotti ma senza abbassare gli standard di sicurezza.

Questo accordo mette nel dimenticatoio il Ttip, il cui mandato negoziale viene esplicitamente definito obsoleto e non più rilevante: era un accordo di libero scambio a 360 gradi che includeva non solo le merci industriali ma anche prodotti agricoli, appalti pubblici, investimenti, servizi ed energia.

Secondo l’analisi economica della Commissione, questa intesa potrebbe aumentare l’export Ue verso gli Usa dell’8% e degli Usa verso l’Ue del 9% entro il 2033, pari a guadagni addizionali rispettivamente per 27 e 26 miliardi di euro. Se e quando sarà raggiunto un accordo tra Commissione Ue e Stati Uniti, sia gli stati membri che l’Europarlamento dovranno dare il loro via libera perché questo possa entrare effettivamente in vigore.

Fonte ANSA